Cosa si può e cosa non si può fare?

Regole di comportamento

Al fine di proteggere la biodiversità e preservare i siti archeologici, storico-culturali e geopaleontologici all’interno del parco nazionale, è necessario rispettare determinate regole di comportamento. Nel parco nazionale è permesso muoversi e scattare fotografie liberamente, fatta eccezione per la zona “off-limits” di pertinenza del Ministero della Difesa della Repubblica di Croazia, anch’essa parte del parco nazionale.

Regole di comportamento al Parco nazionale

Norme a tutela della flora, della fauna e dell’ambiente

  • Sono vietate quelle attività che possano causare cambiamenti o danni a questa parte protetta della natura insulare e ogni attività che sia in grado di mutare l’aspetto naturale e compromettere i valori paesaggistici del parco nazionale.
  • È vietato inquinare l’aria, il suolo, l’acqua, il mare e il fondale marino, ossia compiere attività che siano in grado di compromettere il loro valore ambientale originario. In particolare è vietato gettare o depositare rifiuti di ogni genere nell’ambiente.
  • Nell’area del parco nazionale sono vietati la raccolta, lo scavo, l’estirpazione e il danneggiamento delle piante.
  • Nell’intera area del parco nazionale è vietato introdurre o mettere a dimora specie vegetali (alloctone) ibride o clonate oppure introdurre e lasciar libere nel parco specie animali (alloctone) ibride o clonate
  • È vietato scacciare, maltrattare, molestare, catturare, ferire e uccidere le specie animali presenti nel parco.
  • È vietato catturare rane e raccogliere lumache, funghi ed erbe medicinali, nonché qualsiasi altro tipo di raccolta di organismi naturali viventi e non viventi.
  • È vietato qualsiasi tipo di caccia e attività venatoria, il porto e l’uso di armi da fuoco o di altri mezzi idonei alla caccia (arco e frecce, trappole, reti ecc.).
  • È vietata la caccia, la raccolta e l’estrazione di molluschi, oloturie (cetrioli di mare), ricci di mare e ogni altro organismo marino.
  • È vietato pescare, catturare ed estrarre pesci dal mare, salvo specifici permessi rilasciati dall’Ente Parco nelle zone destinate alla pesca ricreativa.

Norme a tutela dei beni culturali

  • È vietato ogni danneggiamento dei beni culturali, ivi compreso l’arrampicarsi sui monumenti.
  • È vietato lo scavo e la sottrazione dei reperti archeologici.
  • È vietato danneggiare o estrarre dal suolo reperti geopaleontologici come fossili e icnofossili.

Norme di carattere generale per i visitatori

  • È consentito l’accesso al parco via terra attraverso Fasana (Fažana) e via mare attraverso l’ormeggio nel porto di Brioni Maggiore (Veli Brijun).
  • Durante il soggiorno, gli spostamenti e le visite all’interno del parco nazionale, i visitatori sono tenuti a rispettare le istruzioni stampate sul biglietto d’ingresso, sui pannelli informativi e su altri cartelli affissi all’interno del parco nazionale.
  • I visitatori sono liberi di muoversi soltanto nelle aree, lungo i percorsi e per i sentieri segnalati e destinati alle visite.
  • Sull’isola di Brioni Maggiore è possibile noleggiare biciclette, auto e monopattini elettrici. La guida è vietata fuori delle strade segnalate.
  • Il transfer dei visitatori e le visite all’interno nel parco nazionale sono organizzati dall’Ente Parco.
  • Non è permesso introdurre cibo e bevande nel parco.
  • Non è permesso dar da mangiare e infastidire gli animali.
  • È vietato campeggiare e bivaccare senza il permesso dell’Ente Parco.
  • La balneazione è consentita nelle spiagge di Saluga e Jupiter e nelle spiagge naturali, fatta eccezione per le aree a tutela più rigida e le aree in cui vige il divieto di balneazione.
  • È vietato accendere fuochi.
  • È vietato fumare all’aperto.
  • Le attività ricreative sono consentite solo nei luoghi all’uopo previsti e segnalati oppure con il permesso dell’Ente Parco.
  • Senza il permesso dell’Ente Parco non è consentito effettuare registrazioni audiovisive o scattare fotografie a scopo commerciale.

Per gli animali da compagnia (cani)

  • Nell’area del parco nazionale i cani e gli altri animali da compagnia non possono muoversi liberamente.
  • Nel parco i cani vanno tenuti legati o custoditi in un’area recintata, oppure possono essere condotti al guinzaglio ma solo nelle aree in cui ciò è consentito. I cani potranno essere portati a passeggio nell’area del porto di Brioni Maggiore, dal frangiflutti meridionale alla villa Pave e dalla villa Magnolia al frangiflutti settentrionale, oltre che all’interno dell’area recintata di villa Lovorka.
  • L’ingresso nelle strutture aperte ai visitatori è consentito eccezionalmente soltanto ai cani da terapia e ai cani da assistenza.
  • I cani che, a causa della loro indole, del loro istinto aggressivo o di uno specifico addestramento, rappresentano un pericolo per la sicurezza delle persone, durante il transfer in nave e nel corso della visita al parco (entro i confini delle aree loro riservate) devono indossare la museruola.
  • La balneazione dei cani è consentita nel tratto di mare che va dal frangiflutti meridionale del porto di Brioni Maggiore e che si protende per 50 m verso la spiaggia di Jupiter.

Mezzi di trasporto

  • Sull’isola è consentito portare la propria bicicletta o il proprio monopattino, previo preavviso di almeno 24 ore (izleti@np-brijuni.hr). Per il trasporto di biciclette o monopattini sull’isola è previsto il pagamento di un costo supplementare.

Imbarcazioni

  • È consentita la permanenza e l’ormeggio delle imbarcazioni solo all’interno del porto di Brioni Maggiore e nella baia di san Nicolò (sv. Mikul) sull’isola di Brioni Minore (Mali Brijun), oppure utilizzando come ancoraggio il cosiddetto “corpo morto” davanti alle suddette aree di ormeggio.
  • Non è consentita la permanenza o l’ancoraggio nel parco nazionale, salvo all’interno dei porti o delle aree riservate all’ormeggio.
  • È consentito il transito senza possibilità di sosta tra le isole di san Girolamo e di Brioni Maggiore. È consentito l’ingresso nel porto di Brioni Maggiore dal Golfo di Fasana e l’ingresso nell’area d’ormeggio nella baia di san Nicolò sull’isola di Brioni Minore solo dal lato ovest tra Brioni Maggiore e Brioni Minore

Autorità di sorveglianza e tutela del parco

  • L’attività di sorveglianza e tutela del parco nazionale compete ai guardaparco (cuvari-prirode@np-brijuni.hr).
  • Il guardaparco è legittimato a chiedere ad ogni visitatore di esibire la sua carta d’identità o un altro documento idoneo ad accertarne l’identità. Il guardaparco è legittimato, inoltre, a ispezionare i bagagli, il mezzo di trasporto o l’imbarcazione del visitatore.
  • Il guardaparco è legittimato a chiedere ad ogni visitatore di esibire il biglietto d’ingresso.