L’ex presidente della Jugoslavia

Josip Broz Tito

Le isole Brioni sono conosciute per la lunga attività di Josip Broz Tito, il presidente dell’ex Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia.

La prima visita di Tito alle Brioni fu nel 1947, e la Bijela vila (villa Bianca) diventò la sua residenza ufficiale nel 1953. Il suo ultimo soggiorno alle Brioni fu registrato nel 1979. Tito soggiornava alle Brioni in media da quattro a sei mesi all’anno, mentre Brioni Maggiore e Vanga erano i suoi luoghi di dimora preferiti.  

Tito fu un uomo di stato distinto e uno dei fondatori del Movimento dei paesi non allineati. Il presidente dell’ex Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia ospitò sulle Brioni numerosi capi di paesi e partiti. Le Brioni furono uno dei centri influenti della politica mondiale.

 

Dalle Brioni Tito dirigeva lo stato, il Partito e l’Armata.

Visto che era amante della natura e degli animali e conoscente dei valori storico-culturali, Tito si impegnava per la protezione delle foreste, l’assetto dei parchi e la conservazione dei monumenti, nonché l’assestamento degli impianti alberghieri. Grazie proprio a questa sua scelta, le Brioni si sono conservate e sono diventate attraenti a turisti locali e stranieri. 

 

Le isole Brioni sono collegate inscindibilmente con  la personalità di Josip Broz Tito. Per tre decenni  sulle Brioni si trovava  la sua residenza ufficiale, la sua casa, il posto che amava particolarmente e a cui dedicava moltissima attenzione. La mostra  “Tito sulle Brioni” presenta con immagini e parole l’ampiezza dell’attività e dell’interesse di Tito alle Brioni dal suo primo arrivo il 20 giugno  del 1947, fino al suo ultimo saluto, il 29 agosto 1979.

Tito e l’Istria

Josip Broz Tito era in stretti rapporti con i suoi vicini, e riceveva spesso i rappresentanti delle organizzazioni e delle comunità sociali e politiche. Conobbe tanti istriani soggiornando dalle loro parti; visitava spesso le organizzazioni lavorative, le scuole e gli ospedali, e partecipava alle manifestazioni culturali e alle riunioni popolari.  

Tito sulle Brioni 

Tito ospitò tanta gente sulle Brioni.  Subito dopo il suo arrivo, incominciò il rinnovamento intensivo e lo sviluppo delle isole. Furono sanate le conseguenze del bombardamento, completato l’inventario derubato, posata la nuova tubazione e l’elettrocavo Fasana – Brioni, sanati i danni agli alberghi e alle ville, purificate le foreste, assestati i parchi, rimboscati i terreni nudi, protetti i monumenti culturali e rinnovati gli zoo. Con il bombardamento, gli alberghi danneggiati “Nettuno I” e “Nettuno II” furono completamente distrutti. Sulla base delle fondamenta di “Nettuno II”, nel 1961 fu costruito l’albergo “Istria”.nbsp;
Sulle Brioni Tito non fu ospitante e interlocutore soltanto di statisti, politici e diplomatici, ma anche di tante personalità pubbliche e culturali (Valentina Tereshkova, Che Guevara, Alberto Moravia, Mario del Monaco, Sofia Loren, Carlo Ponti, Gina Lollobrigida, Elizabeth Taylor, Richard Burton e tante altre personalità del Paese e dell’estero). Tito si sposò tre volte. Dalla prima moglie Pelagija Belousova ebbe 3 figli: Žarko, e Zlatica e Hinko, che morirono da bambini. Durante il suo secondo matrimonio con  Herta Haas,  nacque suo figlio Mišo, e da Jovanka Budisavljević non ebbe figli. Dopo la sua morte rimasero i suoi due figli, sei nipoti, nove bisnipoti e due trinipoti  
 

Tito nel tempo libero

Durante la pausa tra i Viaggi della pace, i congressi e le sedute, il presidente Tito usava il suo tempo libero per le attività che gli ampliavano gli orizzonti e le conoscenze. La luce a casa sua era accesa fino a notte inoltrata. Tito amava la fotografia. Spesso faceva e sviluppava le fotografie da solo nel laboratorio fotografico su Vanga. La parte dell’attrezzatura gliel’ha regalata il presidente americano Kennedy. 
Il suo amore verso gli animali dimostrava sulle Brioni con l’allevamento e la protezione del mondo animale. Oltre alle specie animali autoctone, nello zoo e nel parco safari vivevano tante specie regalategli da varie parti del mondo. 
Tito spesso passeggiava per le Brioni, lavorava nel frutteto e nel vigneto, si prendeva cura di ogni albero, monumento culturale, rarità naturale, opera d’arte e altri valori. Molto noti sono “I mandarini di Tito” che regalava a tutti, per tutto l’ex paese, nonché le ricerche della località “Castrum Bizantino”, con cui è stata completata la storia delle Brioni dal II secolo a. C. al XIV secolo d. C.

Tito e statisti

Sulle Brioni  Tito svolgeva una parte significativa delle sue attività statali e politiche. In novanta incontri parlò con presidenti, re e imperatori di sessanta stati, e inoltre si incontrò con presidenti  di governi e con ministri di un centinaio di paesi di tutto il mondo. Sulle Brioni Tito ricevette più di duecentocinquanta delegazioni statali e parlamentari,  delegazioni di partito, quelle sindacali, militari, scientifico-tecniche, nonché altre delegazioni straniere e ancora di più delegazioni del territorio dell’ex Jugoslavia. Parlò con più di 300 capi di missioni diplomatiche del paese e con ambasciatori accreditati nel territorio del’ex Jugoslavia. 

Alle Brioni venivano diversi statisti e leader di partiti dell’Est e dell’Ovest, dell’Africa, dell’Asia e di altri continenti, al fine di scambiare le opinioni con Tito, sentire i suoi consigli e avviare delle iniziative internazionali. Tra di loro c’erano anche Hailé Selassié, imperatore dell’Etiopia, Gamal Abd el-Naser, presidente dell’Egitto, Jawaharlal Nehru, presidente del governo indiano, Houari Boumédiène, presidente dell’Algeria, Kenneth Kaunda, presidente della Zambia, Kwame Nkrumah, presidente del Ghana, Habib Bourghiba, presidente della Tunisia, Ahmed Sukarno, presidente dell’Indonesia, Houa Kuo-Feng, presidente della Cina, Fidel Castro, presidente di Cuba, Ho Chi Min, presidente del Vietnam e Urho Kekkonen, presidente della Finlandia. Gli ospiti di Tito sulle Brioni furono anche dei capi statali e politici dei paesi dell’Europa dell’Est come Nikita Chruščëv, Leonid Brežnev e Nikolaj Podgornyj, Nicolae Ceauşescu, János Kádár, Edward Gierek, Walter Ulbricht e Yumjaagiin Tsedenbal.  

Sulle Brioni Tito fu ospitante di tanti sovrani: oltre a Hailé Selassié, ricevette Paolo, re di Grecia, Sihanouk, principe della Cambogia, Zahir, re dell’Afghanistan, Pahlavi, scià d’Iran, Olav, re di Norvegia, Jean, granduca del Lussemburgo, Giuliana, regina dei Paesi Bassi, Elisabetta, regina del Regno Unito, Birendra, re del Nepal, Margherita, regina di Danimarca e Husayn, re di Giordania.

Tito e i Non allineati

Grazie alla riunione  Tito – Naser – Nehru del 1956, quando furono gettate le basi della politica del non allineamento e quando fu firmata la “Dichiarazione delle Brioni”, le Brioni diventarono note come “le isole della pace” e “il porto originale dei non allineati”. 

Tito partì l’ultima volta dalle Brioni il 29 agosto 1979 alla VI  conferenza dei capi di stati e di governi dei paesi non allineati  tenutasi all’Avana.