Ex amministratore delle Brioni

Alojz Čufar (Aloisie Zuffar)

"Sempre pronto ad aiutare anche con i propri mezzi se ha incontrato persone in difficoltà, ed è quasi ingombrante nei confronti di tutti quelli che ha considerato marmotte della società umana".
Responsabile per il rimboschimento dell'isola

Amministratore delle Brioni

Dopo aver acquistato le isole Brioni, il visionario austriaco Paul Kupelwieser ha iniziato a trasformare l'isola in una destinazione elitistica. Cercando supporto per il rimboschimento dell'isola, Paul Kupelwieser si recò a Trieste. Sebbene nel Dipartimento di scienze forestali dell'amministrazione comunale sia stato accolto con estrema insolenza, all'uscita dall'ufficio, l'assistente d'ufficio gli consiglio di cercare ad Albona, Aloisie Zuffar , che si rivelò un'ottima decisione.

Coltivando le isole tanto adorate

Prima di recarsi sulle isole, Aloisie Zuffar, prestava servizio nella città di Dignano e Gallesano da dove la visura si estende fino alla costa adriatica e alle isole Brioni. Le Brioni gli sembravano una terra da sogno illuminata da lontano,  e come insolitamente piacque all'intera famiglia Kupelwieser, ricevette l'opportunità di lavorare sulla deforestazione e coltivazione delle isole così tanto adorate.

Aloisie Zuffar non godeva l'apprezzamento solo della famiglia Kupelwieser, ma anche di molti abitanti delle coste dai quali aveva una reputazione particolare . Era un uomo estremamente onesto e affidabile.

Si atteneva accuratamente alle misure di Robert Koch

Zuffar era l'amministratore delle Brioni dal 1894 fino alla morte ed e responsabile per l'arredamento paesaggistico dell'isola - liberazione del suolo dalla macchia, pianto di boschi (decine di migliaia di alberi), risistemazione dei prati e liberazione delle cave di pietra dai massi di scarto usati poi per la costruzione di numerose strade e sentieri (50 km), e l’arredamento delle cave che sono state trasformate in passeggiate piacevoli durante tutto l'anno. Piu freschi d’estate, riparati dal vento d’inverno, divennero mete preferite dei visitatori delle Brioni.  

Nei prati risistemati vennero piantati vigneti e il vino veniva poi venduto a Vienna e a Budapest. Si atteneva accuratamente alle misure di Robert Koch (essiccazione e riempimento delle paludi)che ha contribuito al successo della soppressione della malaria sulle isole.

Monumento in segno di riconoscimento

In segno di riconoscimento la famiglia Kupelwieser gli dedico un monumento in una delle cave di pietra.

Grazie a Zuffar, le isole oggi sono contrassegnate da una flora armoniosa, mentre numerose cave sono state nascoste con successo e trasformate in passeggiate.

Visitate le isole Brioni per conoscere meglio Aloisie Zuffar e questa piccola parte del paradiso.